Sara Tommasi film: la corsa al download e la crudeltà della gente

Esce il film hard di Sara Tommasi e sul web scatta la corsa al download e, allo stesso tempo, la gara a chi insulta di più la protagonista. Con misoginia stomachevole e senza pietà

saratommasibackstagefilmlucirosse.jpg


Leggevo l'articolo dell'amica Valeria Sirabella su Sara Tommasi e il suo strombazzatissimo film porno - girato sotto l'effetto di droghe, tramite ipnosi aliena o non si sa che altro - e storcevo un po' il naso. Perché Valeria presenta l'ex valletta come una vittima, protagonista di un percorso di autodistruzione e di una discesa agli inferi che nessuno sembra impedire. E io ho un po' di difficoltà a figurarmi le tipe come la Tommasi - lo stesso discorso l'abbiamo fatto per le olgettine del bunga bunga - come delle vittime: certo, ne vedo tutta la debolezza e la vulnerabilità, però quando si scelgono le scorciatoie, quando si decide di vendersi pur di avere i soldi facili, il minimo che ti tocca è di subire le conseguenze in termini di critica e ostracismo sociale.

Dopo però sono andato a leggermi i commenti che tanti lettori, con nome e cognome, hanno lasciato al post, e deve dire che il cinismo e la crudeltà della gente mi ha raggelato e disgustato. Non so, il tenore degli interventi è di questo genere: Ma quale vittima?? Quante cazzate in un articolo solo!! Se una nasce troia muore troia, punto! Se a sara tommasi piace fare la troia e prendere tanti ***** vuol dire che è così! Vittima del ca**o... appunto!


Ovviamente gli asterischi sono miei. Sono andato a vedere il profilo Facebook del gentiluomo che ha firmato il commento, e appare tutto sorridente abbracciato a una donna - par di capire la moglie. Mi vien da domandarmi come facciano le donne a stare con dei tipi del genere, ma a parte questo - commenti non troppo dissimili ce ne sono anche a firma di signore - ciò che più colpisce in questi interventi è l'assenza totale di pietà, l'incapacità più completa di mettersi nei panni degli altri e di provare un minimo di empatia e di solidarietà. Che sono gli elementi minimi che consentono a una società di reggersi in piedi, quindi - ad occhio - siamo messi davvero molto male. Perché si può criticare, ovviamente, ma sempre mantenendo un barlume di umanità.


(In alto, un'immagine del film - fonte Reality e Show).

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO