Violenza sulle donne, il parroco di Lerici e i Comizi d'amore di Pasolini e Volo

Scritto da: -

Un parroco di Lerici, poi costretto ad abbandonare l'abito talare, sposa le tesi di Pontifex sul femminicidio "colpa" delle donne. La verità è che l'Italia di oggi è ancora molto meno aperta di quello che sembra, come dimostra un esperimento tv

volantino prete lerici.jpg

E così il demenziale articolo di Pontifex sul femminicidio “colpa” delle donne, rilanciato dalla stampa in giorni di scarsità di notizie, ha purtroppo fatto proseliti (di idioti pronti a raccogliere e rilanciare il peggio ce n’è sempre in abbondanza). Un parroco di Lerici l’ha addirittura stampato e appeso all’ingresso della chiesa, scatenando l’indignazione di molti e la protesta del suo vescovo, che gli ha imposto un immediato dietrofront. È di poche ore fa la notizia che Don Piero Corsi, così si chiama il sacerdote, ha deciso di rinunciare all’abito talare: decisione estrema ma dovuta, perché davvero non si può sentire un parroco che sposa tesi di giustificazione della violenza e dell’omicidio per le donne che provocano con “abiti succinti”.

Ancora ieri, a un giornalista del Gr1 che lo intervistava, Don Corsi rispondeva così: “Scusi ma se lei vede una donna nuda (che, nel linguaggio ossessionato del prete, probabilmente vuol dire “poco vestita”) cosa fa? E’ un frocio anche lei?”. Sarei stato curioso di domandare al parroco che cosa crede che faccia o debba fare uno che non è “frocio”, perché di donne poco vestite in giro ce ne sono moltissime, e tutti gli uomini normali di questo mondo le guardano, quando le guardano, e poi ripensano ai fatti e agli affetti loro. Invece, in quale pianeta vivono Don Corsi e quelli come lui? Del resto, è noto che la violenza carnale - e a maggior ragione il femminicidio - non nasce certo da un impulso sessuale incontrollato, ma semplicemente dall’odio, dalla volontà di umiliare e annientare la donna.

Piuttosto, tornando al mondo dal quale provengono Corsi e i suoi  amici di Pontifex, verrebbe da chiedersi quanto siano diffuse nel Paese reale delle posizioni così estreme, così misogine, così farneticanti. Forse poco, ma è chiaro che la modernità che molto facilmente attribuiamo a noi stessi e alla nostra società è molto lontana dall’essere acquisita. Recentemente Rai tre ha trasmesso un esperimento televisivo interessante, con Fabio Volo che è tornato  nei luoghi dei Comizi d’amore di Pasolini, cinquant’anni dopo, a riproporre le stesse domande sulla sessualità, l’amore e le regole del “buoncostume”. Dal confronto delle interviste di oggi e di ieri, viene fuori abbastanza chiaramente l’immagine di un Paese molto meno diverso e cambiato di quanto possa suggerire una lettura superciale della società italiana.

Certo, la rivoluzione sessuale del 68 e la cultura liberale del politicamente corretto hanno messo radici, e in diversi hanno risposto alle domande di Volo stando attenti a mostrarsi rispettosi e tolleranti verso le scelte individuali di tutti, ma anche nelle persone più aperte si coglievano facilmente tracce di pregiudizio (per esempio nei confronti dell’omosessualità, che molti - anche tra i più liberal - inquadravano come “malattia”). Ma poi c’è l’altra faccia della medaglia, quella che meno ti aspetti e assomiglia tanto alla società patriarcale e per molti versi ancora contadina degli anni 60: la signora che crede che agli uomini è giusto concedere più libertà che alle donne, il ragazzo che non si fidanzerebbe mai con una coetanea che ha avuto troppi partner sessuali, la ragazza che vuole arrivare vergine al matrimonio, quelli che gli omosessuali fanno schifo e via di seguito. Insomma, Pontifex e company certo sono un po’ disturbati, ma ahimè fanno parte della nostra società, non vengono da Marte.

UPDATE - Don Corsi ha smentito qualsiasi decisione sull’abbandono del sacerdozio: si prenderà, semplicemente, un periodo di riposo. Possibile che in Vaticano nessuno senta il dovere di intervenire?

LINK UTILI:

Femminicidio, è colkpa delle donne: le idiozie dei cattolici di Pontifex e l’oblio che meritano

Violenza sulle donne e amore criminale: quando si muore di troppa famiglia

Violenza sulle donne: ascesa del femminicidio

Vota l'articolo:
3.98 su 5.00 basato su 40 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Violenza sulle donne, il parroco di Lerici e i Comizi d'amore di Pasolini e Volo

    Posted by: Alessandra Catsicas

    il Don non molla la tonaca Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Violenza sulle donne, il parroco di Lerici e i Comizi d'amore di Pasolini e Volo

    Posted by: Egidio Dalla Vecchia

    Tutto giusto quello che scrivete ma bisogna passare dalle parole ai fatti. Magari fare manifestazioni serie e non solo quando ci sono gli scandali sessuali di Berlusconi. Spiegare in giro che contro lo stalking occorre subito la querela, senza passare per l\'assurdo strumento dell\'ammonimento. Tutti si indignano contro don Corsi ma nessuno lo denuncia o segnala per fatti illeciti (apologia di delitto, pubblicazioni contrarie alla pubblica decenza...). E poi, per colpa di idioti simili si rischia di criminalizzare i molti maschi che hanno semplicemente voglia di sesso. Tra avere voglia di accoppiarsi con una donna ed essere assassini c\'è differenza! Il desiderio sessuale è fisiologico e non porta al delitto di per sé! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Violenza sulle donne, il parroco di Lerici e i Comizi d'amore di Pasolini e Volo

    Posted by: Nino Monastra

    Secondo me, questo prete, si è... \"fottuto\" da solo !!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Violenza sulle donne, il parroco di Lerici e i Comizi d'amore di Pasolini e Volo

    Posted by: Marika Cancan

    non ci sono parole per descrivere l\'ignoranza che regna sovrana in questo prete Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Teleipnosi.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Entertainment di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano