Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

Scritto da: -

"Il populismo televisivo trasfigura in cyber-populismo e dopo Silvio Berlusconi arriva Beppe Grillo", dicono in molti. Ma il ragionamento non regge, se non altro perchè il web è molto diverso dalla televisione...

beppegrillo12.jpg

«Allo stesso modo in cui la tv esalta il processo di spettacolarizzazione e di personalizzazione, consentendo il fulmineo emergere di figure pubbliche in grado di competere con gli attori professionisti della politica, i blog e le altre piattaforme del Web 2.0 possono essere a loro volta usate per dare vita a canali di comunicazione diretta tra leader e pubblico che configurano nuove forme di democrazia plebiscitaria. Il populismo televisivo trasfigura in cyber-populismo; dopo Silvio Berlusconi arriva Beppe Grillo».

Riporto questo paragrafo, tratto da Cybersoviet di Carlo Formenti, che ho trovato citato nella pagina Facebook del Nichilista, comunque la si pensi un blog che vale la pena di seguire. Lo riporto perché esprime una posizione ampiamente accettata tra i critici di Grillo, che a noi - che non siamo né adepti né oppositori a priori del comico genovese - può offrire interessanti spunti di discussione.

Partiamo dal fatto che, a livello di stile di comunicazione e di linguaggio (con la definitiva archiviazione del politichese soppiantato dall’adozione degli schemi linguistici tipici dello spettacolo) Grillo assomiglia molto a Berlusconi. L’ho scritto tempo fa: il narcisismo spudorato, la refrattarietà al dialogo e al confronto, il disprezzo per gli avversari, gli slogan e le battute al posto dell’argomentazione razionale sono tutti elementi palesemente comuni ai due leader, o ai due comici, a seconda di come la si vede.

Però non ci si può fermare a questo aspetto. Formenti, per tornare alla nostra citazione iniziale, parla di democrazia plebiscitaria con Grillo al posto di Berlusconi e il web al posto della tv: è uno scenario realistico? A me non sembra. In primo luogo, banalmente, sulla rete bazzica un italiano su due, laddove la televisione - soprattutto ai tempi della discesa in campo del Cavaliere - è seguita da due italiani su due. Insomma, le scorciatoie plebiscitarie sono più difficili da praticare quando arrivi - a voler essere ottimisti - a metà dell’elettorato.

Ma poi, soprattutto, il web per sua natura non può essere ridotto a una sola voce, non si presta al pensiero unico e alla proprietà monopolistica. Beppe Grillo non controlla la rete, controlla il suo blog: certo ha dalla sua parte altri blogger e altre voci, come ne esistono altrettante - anzi, direi molte di più - critiche, all’interno di un normale e sano confronto democratico. Silvio Berlusconi invece è stato, e di fatto continua ad essere, il padrone unico della televisione: proprietario di quella commerciale e amministratore di quella pubblica, in grado di attuare un vero e proprio controllo di stampo orwelliano sull’opinione pubblica.

Poi ci sarebbe da entrare anche nel merito delle proposte del Movimento 5 stelle, aspetto troppo spesso tralasciato. A parte alcune sparate sull’euro e il debito - poi subito meglio spiegate e in parte rettificate - c’è molto poco di demagogico nel programma di Grillo, anzi molte idee raccolgono il meglio di quanto elaborato in questi ultimi anni nel dibattito che si è sviluppato a livello di opinione pubblica mondiale, in rete e nelle università. Berlusconi era invece quello del milione di posti di lavoro e del meno tasse per tutti, passando per la cura del cancro: decisamente, un’altra storia.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 12 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

    Posted by: Luna

    \" Il populismo televisivo trasfigura in cyber-populismo; dopo Silvio Berlusconi arriva Beppe Grillo».\" Ma per favore...secondo me questa affermazione non sta ne in cielo e ne in terra. Vogliamo paragonare il pubblico televisivo con quello della rete ? Ma dai sù ! Ma queste persone veramente pensano veramente che i grillini siano delle persone senza cervello succubi di Beppe Grillo ? Ma allora non hanno capito niente. Poi facciamo un piccolo riassunto : Berlusconi é un miliardario impelagato nelle peggiori nefandezze. Berlusconi ha rimbecillito la gente con promesse mai mantenute, ha lavato il cervello alla gente con una televisione priva di contenuti. Ha distrutto la cultura, ha portato al potere le mezze cartucce della società, ha riempito il parlamento di gentaglia, ha riciclato denaro sporco, ha impedito un mercato televisivo equo e corretto, ha distrutto la Rai, ricatta mezzo mondo etc...etc... Invece Beppe Grillo incita i \"capaci\" a riprendere le redini del paese, nei suoi spettacoli ha denunciato gli intrallazzi della Fiat con il potere con grafici preparati da persone competenti, ha preannunciato lo scandalo Parmalat e grazie a lui molte famiglie hanno salvato il salvabile, Grillo é andato al congresso degli azionisti Telecom per denunciare il raggiro di miliardi che i dirigenti volevano fare imponendo tecnologie vetuste. Grillo ha chiamato con il loro vero nome (z......) \"le parlamentari\" del PDL.  I grillini vorrebbero un Parlamento senza galeotti e sanza indagati, elezioni in cui i cittadini possano scegliere i propri rappresentanti, un\'Italia in cui l\'ecologica sia una realtà, un\'amministrazione senza intrallazzi, una politica chiara sui rifiuti e l\'acqua, i grillini vorrebbero meno sprechi ed una politica che si occupi dei cittadini e non dei facoceri del potere ! Cosa hanno da spartire Grillo e Berlusconi ????? Proprio nulla ! Fossi in Grillo starei ancora più attento perché molti saranno gli infiltrati che vorranno salire sul carro dei vincitori ! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

    Posted by: Gaber_Ricci

    Cara Luna, cos\'hanno da spartire Grillo e Berlusconi lo dice chiaramente Riccardo: il metodo comunicativo. Piaccia o non piaccia, Berlusconi e Grillo si pongono allo stesso modo: come due santoni \"scesi in campo\" per salvare il paese dai comunisti o dalla classe politica tutta, poco importa, si parla di un nemico costruito più o meno a tavolino per attaccarlo in ogni occasione propizia, per esempio allo scoppio di una bomba rudimentale davanti ad una scuola di Brindisi, cosa che Grillo ha fatto comportandosi, ammettiamolo, da sciacallo. (Disclaimer: non intendo assolutamente difendere la classe dirigente; ma gettare il bambino con l\'acqua sporca ossia, nel caso di Grillo, la democrazia tutta colle degenerazioni dei partiti, è sparare, pericolosamente, ad alzo zero). Altra somiglianza sta nell\'idea personalistica di partito: che Grillo può dire ciò che vuole, ma sul simbolo c\'è la SUA faccia, così come è SUA la proprietà del simbolo stesso e del nome. Mi si spieghi che differenza c\'è, qui, con l\'idea (orrenda) del \"partito azienda\" e del \"Berlusconi\" scritto sotto il simbolo PDL. Tutto quello che lei dice può anche essere vero, ma affermarlo è fin troppo facile: per Berlusconi parla la storia disastrosa degli ultimi vent\'anni, per Grillo, nulla. Certo, Grillo promette tutto quello. Esattamente come Berlusconi prometteva, per citare le ultime righe dell\'articolo: \"un milione di posti di lavoro e meno tasse per tutti, passando per la cura del cancro\" Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

    Posted by: Luna

    \"\"un milione di posti di lavoro e meno tasse per tutti, passando per la cura del cancro\"\" Grillo non promette nulla di tutto questo, Grillo non é un candidato. Per quanto mi riguarda non credo ciecamente a tutto quello che mi raccontano e se le cose dovessero degenerare saro\' la prima a denunciarlo. Spero tanto e lo spero di tutto cuore che i rappresentanti del MoVimento 5 Stelle possano dare l\'esempio e dimostrare a traverso il loro lavoro che le cose si possono fare. Tutto qui. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

    Posted by:

    Che il metodo comunicativo possa essere più o meno lo stesso, boh, se ne può parlare, ma facciamo anche che sia così. Ciò che in generale penso sia meglio ricordare è prima di tutto la differenza tra il web e la tv: sul web conta la credibilità di chi scrive, esattamente come succede in questo blog. La tv così come la conosciamo in questo paese, è diventata così grazie a una serie di porcherie fatte da un losco personaggio quando ancora era \"solo\" un imprenditore. Rete 4 è semplicemente illegale, tanto per dire. E si può parlare all\'infinito dei favori che Silvio ha ricevuto da Craxi in materia. La differenza tra Grillo e Berlusconi poi è il fine. La comunicazione sarà anche la stessa, ma uno (Berlusconi) è sceso in politica per non fallire e non andare in galera, passando i successivi 20 anni facendo le peggio porcherie per non essere processato e per avere sempre più potere. L\'altro, ci ha messo la faccia, questo è ovvio. Ma non è un candidato, e probabilmente avrebbe vissuto meglio (di sicuro più serenamente) continuando a fare il comico più che benestante. Non è lui che governa e mai lo farà, non è così stupido.  Ditemi quello che volete, ma mettere Berlusconi e Grillo nella stessa frase è un insulto all\'intelligenza umana. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

    Posted by: Riccardo Spiga

    Beh, mi sembra davvero un bel confronto di opinioni. Credo che da questa disputa, Grillo sì Grillo no, dipenderà almeno un pezzo del futuro politico del Paese. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

    Posted by: Gaber_Ricci

    Il fatto che Grillo non sia candidato non toglie che sia lui che decide la linea del partito; cosa per altro piuttosto facile, visto che il partito non ha uno statuto, il che lo porrebbe, in teoria,al di fuori della dialettica democratica. Ed il suo modo di fare fa assomigliare il M5S più ad una setta, che ad un partito (cosa che è quanto gli altri: chi si candida alle elezioni per me è un partito politico, fatto e finito): per dire, lui decide che non si può andare in televisione, e chi non è d\'accordo, fuori di qui! Gli ultimi che ho visto fare così sono stati i testimoni di Geova. Che mettere Grillo e Berlusconi insieme nella stessa frase sia un insulto all\'intelligenza umana, poi, non lo direi: è indubitabile che il primo sia figlio del secondo, o meglio, del clima creato in Italia dal secondo, e dalle sue porcate. Chissà se un domani, nell\'ipotetico processo storico che gli faranno i posteri (perché per questo genere di processi non ci sono né prescrizioni né lodi Alfano che tengano), non gli verrà imputato anche questo! Sono però dispostissimo a riconoscere che è vero che Berlusconi e Grillo non sono affatto la stessa cosa, anzi!, al contrario di molti \"movimentisti\" io non ritengo che \"tutti sono uguali, tutti rubano nella stessa maniera\". Dato che però le divergenze sono sotto gli occhi di tutti, io ne sottolineavo le affinità. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Beppe Grillo è il Berlusconi del web?

    Posted by: Luna

    Gaber_Ricci scusa e tutti i partiti che hanno uno statuto e calpestano la democrazia senza nessun ritegno ? \"per dire, lui decide che non si può andare in televisione, e chi non è d\'accordo, fuori di qui!\" Ma hai mai visto una trasmissione in cui hanno invitato un esponente del MoVimento ? Ti assicuro che é veramente avvilente. Lo tengono seduto come un asparago e non lo fanno mai parlare. Gli \"altri\" parlano e criticano il MoVimento : inventano notizie e dicono cose non vere stando bene attenti a non fare domande per non permettere un intervento del candidato del MoVimento 5 stelle. Quando poi uno di questi precisa che Grillo non influenza minimamente l\'organizzazione del MoVimento o gli interventi nei vari consigli comunali dove ci sono i rappresentanti eletti del MoVimento, vengono immediatamente oscurati. Quindi a che pro andare in TV ? Forse sarebbe meglio \"fare\" senza andare televisione ! \"Dato che però le divergenze sono sotto gli occhi di tutti, io ne sottolineavo le affinità.\" Affinità di forma ? Speriamo non in contenuti ! :D Sta a noi non abbassare la guardia.   Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Teleipnosi.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Entertainment di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano