Dopo Annozero tocca a Rai tre: Berlusconi gioca allo sfascio della tv pubblica

Scritto da: -

berlusconi.jpg_370468210.jpg

Ieri sera ad Annozero il leghista Castelli spiegava che non vuole pagare il canone per vedere Travaglio. A me, da casa, veniva da ribattere: e io non voglio pagarlo per vedere Minzolini, Ferrara e Bruno Vespa. Dunque, come se ne esce? Semplice, come in tutti i paesi liberi del mondo: decide il mercato. E guarda caso il mercato premia Santoro, uno che riesce a fare il 25 per cento di share su Rai due, e boccia i giornalisti che piacciono al governo, in pesante e continua perdita d’ascolti. Ma i berlusconiani sono liberali e liberisti solo a parole, questo lo si è capito da un pezzo: sono loro i veri comunisti, quelli dei palinsesti decisi secondo criteri politici e non di mercato, altro che storie!

Intanto ieri il cda della Rai, che doveva decidere sulla programmazione autunnale per poter vendere gli spazi pubblicitari agli inserzionisti, è saltato di nuovo per l’assenza dei consiglieri di maggioranza. Pare che lo stop sia arrivato direttamente dal sultano, al quale Verro e company sono usi obbedir tacendo. Berlusconi stavolta vuole andare allo scontro frontale: in preda a un’ossessione da accerchiamento, secondo cui avrebbe perso a causa dell’informazione di sinistra, sembra intenzionato a far saltare in aria Viale Mazzini, imponendo l’uscita dei volti a lui sgraditi (ma di maggiore successo per l’azienda): Floris, Fazio, Gabanelli e Dandini, tutti ancora senza contratto. E pare sia furioso anche con Lorenza Lei, rea di non aver fatto firmare a Santoro una clausola di non concorrenza che gli avrebbe impedito lo sbarco a La 7. Non siamo mai stati così vicini come oggi a una televisione da Unione Sovietica.

(In foto: Berlusconi; fonte: tiscali.it).

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Dopo Annozero tocca a Rai tre: Berlusconi gioca allo sfascio della tv pubblica

    Posted by: lalla

    Ma perchè il nano malefico è riuscito a mettere le mani sulla TV pubblica? Stiamo sotto dittatura? O.K. ci faremo chiudere la RAI non pagheremo più il canone visto che l\'uniche trasmissioni importanti ce le stanno chiudendo tutte. Complimenti ai Dirigenti RAI sottomessi a un metro e 40 di altezza. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Dopo Annozero tocca a Rai tre: Berlusconi gioca allo sfascio della tv pubblica

    Posted by: maria luisa

    ma perche non contestiamo tutti per il comportamento della persona piu assurda della storia italiana . tanto nella storia  italiana lui non avrà mai spazio. perche i ricordi sono per il bene.io ho già cancellato mediaset cancellerò anche la rai dal mio televisore. controllate se non dico il vero la tv interressante non serve agli italiani mediocri guardano la tv senza cervello e ascoltano cose assurde per non usarlo .cmplimenti alla rai che è senza cervello Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Dopo Annozero tocca a Rai tre: Berlusconi gioca allo sfascio della tv pubblica

    Posted by: ToniFlash

    senza quei conduttori, la rai può chiudere...farà più ascolto rete italia e MTV! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Dopo Annozero tocca a Rai tre: Berlusconi gioca allo sfascio della tv pubblica

    Posted by: papillone

    ma perchè sbraitate tanto VOI a sinistra cosa siete mostri sacri! siete come gli altri solo con un pò di ideologia ma non tanto ideologica ma stupida,pensate sempre di essere superiori,arroganti,ignoranti percè credete sempre di sapere tutto,oooooooooooooooooooooo sveglia che i  VOSTRI come i SALUMI e le MORTADELLE pensano solo a loro,vedete quanti giovani parlamentari hanno inventato,ma LORO I MARPIONI sono sempre LI vedete se propongono di togliersi le pensioni li votano a favore col NANO e VOI siete qui a pensare alla TV ma fregatevene e cercate magari di farli FARE un PROGRAMMA anzichè BLABLABLABLA vedrete che bella compagnia TRA GAY LESBICHE ED altro che bel GOVERNO avremo in futuro ci sarà pensate un pò tanto per esserein tema anche il FIGLIO DI DIPIETRO immaginate.       Scritto il Date —